INCONTRO
8 dicembre 2011

INCONTRO

 
                   

A Canino la giornata di Coldiretti con il Presidente nazionale Marini
E’ un messaggio forte e deciso quello lanciato da Coldiretti durante l’ultima, partecipata “Giornata del Ringraziamento” di Canino che ha visto giovedì 8 dicembre la partecipazione del Presidente Nazionale della Coldiretti Sergio Marini. Dopo la sfilata dei trattori per le vie del Paese, l'appuntamento è stato nella chiesa di San Francesco per la santa messa celebrata da Don Gilbert. Un momento di preghiera durante il quale nell'omelia il sacerdote ha ringraziato Coldiretti per aver scelto la difesa del territorio e di quanto essa produce. “La vigilanza e l’attesa, che caratterizzano l’Avvento - ha detto – sono tipiche degli imprenditori che lavorano nella terra, che deve essere custodita, amata, sorvegliata e protetta quale dono. La terra è una scuola straordinaria, che insegna a vivere, ad attendere e a guadagnare il pane con il sudore della fronte. Chi lavora la terra ha una grande dignità e il grande compito di sviluppare il creato che è la prima manifestazione di Dio. La sfida di oggi – ha concluso – è quella di produrre beni e benessere senza distruggere la terra”. Parole profonde e vere, che hanno toccato il cuore dei coltivatori diretti e che sono state molto apprezzate da tutta la comunità presente alla celebrazione. Poi la presentazione e la benedizione dei prodotti della terra che hanno sfilato, portati dagli agricoltori, fino sotto all’altare: pane, ortaggi, vino, olio, confetture, miele vere eccellenze del territorio. Al termine della funzione, la benedizione dei mezzi agricoli e poi il Presidente Marini si è intrattenuto con il Consiglio provinciale, il personale della Coldiretti di Viterbo ed i soci arrivati in mattinata da tutta la provincia. In un momento difficile per il sistema Paese, il Presidente Marini a fatto un'analisi della situazione in cui versa l'agricoltura e delle risposte che Coldiretti sta dando con il suo progetto per una filiera agricola italiana firmata dagli agricoltori, delle prospettive poco edificanti rispetto alle proposte di riforma della Pac e della manovra "Salva Italia", una manovra iniqua che non contiene alcuna proposta di crescita e che risulta particolarmente penalizzante per il settore soprattutto in tema di rivalutazione ai fini fiscali di quei beni che costituiscono mezzi di produzione. Al termine dell'incontro un aperitivo a base di prodotti del territorio e l'inaugurazione della nuova sezione Coldiretti di Canino. "Un evento significativo - afferma Gabriel Battistelli, direttore della Coldiretti di Viterbo - in un momento in cui sono tante le imprese che chiudono o che riducono l'attività. Se poi questo viene dopo l'apertura di un nuovo ufficio a Fabrica di Roma della settimana scorsa dove abbiamo inaugurato anche il primo Punto Comune d'Italia, rappresenta un evento di cui andiamo tutti molto fieri e orgogliosi. La presenza del presidente Marini è stato un grande regalo che ha reso ancora più bella la festa. L'evoluzione dell'agricoltura ha portato all'evoluzione della rappresentanza  e forzatamente ha comportato un diverso modo di rapportarsi con i soci  anche con investimenti importanti sia strutturali che di personale sempre più orientato verso la consulenza e verso nuovi servizi, il tutto nel segno di una continuità valoriale che solo Coldiretti può vantare".

Seguici su Twitter

Seguici su Facebook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar
Copyright 2018 COLDIRETTI. Tutti i diritti riservati.

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

Le impostazioni dei cookie in questo sito sono impostate su "permetti cookie" per permettere la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui l'utilizzo di questo sito senza cambiare le impostazioni del tuo browser o se clicchi su "Accetto" confermai l'autorizzazione di tali cookie.

Chiudi