19 Luglio 2019
COLDIRETTI FROSINONE: “ZONA DI ANAGNI INVASA DAI CINGHIALI: E’ EMERGENZA”

Coltivazioni distrutte, raccolti persi, animali allevati uccisi e imprese agricole danneggiate. Coldiretti Frosinone lancia l’allarme cinghiali in particolare in riferimento alla zona compresa tra Anagni e Porciano, a ridosso della riserva naturale del lago di Canterno. A rischio non solo la sopravvivenza delle aziende ma anche l’incolumità di cittadini e agricoltori che si ritrovano i campi invasi da branchi di cinghiali con conseguenze disastrose sotto il profilo economico e ambientale, anche a livello di assetto idrogeologico del territorio e abbandono delle zone interne. Un problema che diventa ancora più evidente a ridosso delle aree protette dove gli ungulati si rifugiano alla ricerca di cibo.

“La sicurezza nelle aree rurali e urbane è ad alto rischio a causa del proliferare incontrollato dei cinghiali che ormai va avanti da anni – spiega Carlo Picchi, direttore Coldiretti Frosinone - I risarcimenti non possono essere la soluzione, serve urgentemente un serio piano di selecontrollo da parte degli ATC di Frosinone”. “Anche i sindaci possono fare la loro parte attraverso ordinanze di cattura e abbattimento – sottolinea Vinicio Savone, presidente Coldiretti Frosinone – Abbiamo immagini dei nostri associati con campi invasi da 50 cinghiali, serve una strategia immediata, efficace e risolutiva. Molti agricoltori sono stati costretti a cambiare colture, mentre altri, stremati, stanno abbandonando le aziende”.

Nel Lazio, Coldiretti stima che i danni a causa della fauna selvatica ammontino a oltre 7 milioni di euro di danni, di questi circa 4 milioni provocati dai cinghiali che, negli ultimi 10 anni, sono praticamente raddoppiati con alcune zone che hanno fatto registrare un incremento record del 200%.

 

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

Le impostazioni dei cookie in questo sito sono impostate su "permetti cookie" per permettere la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui l'utilizzo di questo sito senza cambiare le impostazioni del tuo browser o se clicchi su "Accetto" confermai l'autorizzazione di tali cookie.

Chiudi