Centrale del latte di Roma
5 marzo 2010

Centrale del latte di Roma

Per fortuna, si torna all’antico, la Centrale del latte di Roma è nuovamente nelle mani del Comune di Roma , che costretto a risarcire la società  Latte Sano, dovrà decidere se definire o meno una nuova  procedura di privatizzazione.
Questo è il risultato delle  nove sentenze che si sono succedute sull’”affaire” Centrale del Latte di Roma “ che come ricorda –Lisi – Direttore della Coldiretti, fu svenduta dal Comune di Roma , prima a Cirio e poi a Parmalat , frettolosamente e per un modesto indennizzo.
Tralasciando le ragioni delle carte bollate, comunque, quello che è accaduto potrebbe aprire dei nuovi scenari per la zootecnia laziale e in particolare quella Ciociara e magari rilanciare il settore in maniera definitiva poiché una politica aziendale più attenta potrebbe prediligere nuovamente il territorio frusinate e le sue aziende, che non dimentichiamo hanno fatto un po’ la storia del prestigioso marchio ”Solac”.
Tra l’altro i numeri del comparto latte esprimono da soli la potenzialità di un settore che, se privato ancora dell’identità della sua Centrale del latte, rischia di spianare ancora di più la strada e il palato dei ciociari al latte a lunga conservazione.
Nel Lazio, infatti, si producono mediamente 3.900.000 quintali di latte all’anno, ma nella regione giungono ogni anno altri 4.650.000 quintali – tra latte e derivati – che non sono made in Italy che finiscono sugli scaffali della grande distribuzione organizzata che incassa fino al 400% del valore e non aiuta a distinguere il vero prodotto italiano dal falso made in Italy.
“Ora che la Centrale del latte di Roma è tornata ai laziali – ha riferito il Direttore della Coldiretti di Frosinone – vi sono tutte le condizioni per costruire la filiera tutta agricola e tutta laziale del latte con l’obiettivo di distinguere il prodotto locale e italiano da quello spacciato come tale che fa arricchire chi è estraneo al mondo agricolo e impoverisce il territorio.”Mi auguro fortemente- conclude Lisi- che il futuro riassetto passi per una partecipazione collettiva che preveda dei CDA con rappresentanti dei produttori e dei consumatori, proprio perché possano definire e sorvegliare l’amministrazione e le scelte strategiche che da ora in poi si adotteranno.”

Seguici su Twitter Coldiretti Lazio

Seguici su Facebook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar
Copyright 2018 COLDIRETTI. Tutti i diritti riservati.

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

Le impostazioni dei cookie in questo sito sono impostate su "permetti cookie" per permettere la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui l'utilizzo di questo sito senza cambiare le impostazioni del tuo browser o se clicchi su "Accetto" confermai l'autorizzazione di tali cookie.

Chiudi