VIA IRAP E IMU PER CHI VIVE DI AGRICOLTURA
27 ottobre 2015

VIA IRAP E IMU PER CHI VIVE DI AGRICOLTURA


LEGGE DI STABILITA, IMPEGNO MANTENUTO: VIA IRAP E IMU PER CHI VIVE DI AGRICOLTURA. FINANZIAMENTI PER LE ASSICURAZIONI CONTRO LE CALAMITA E UN FONDO PER RINNOVARE IL PARCO MACCHINE

“A settembre, a Milano, ai trentamila imprenditori agricoli che lo applaudivano, il premier annunciò il taglio delle tasse a beneficio di chi vive di agricoltura. Impegno rispettato. Dal prossimo anno gli agricoltori sono esentati dal pagamento di Imu e Irap, una misura che inciderà positivamente sulla competitività del sistema”. Così il direttore provinciale della Coldiretti di Latina, Giuseppe Campione, commenta l’approvazione da parte del governo della legge di stabilità che, nel pacchetto riservato al settore primario, prevede l’azzeramento di Irap e Imu per i coltivatori diretti e per gli imprenditori agricoli professionali (la prima costava al settore 250 milioni di euro, la seconda oltre 450) con riferimento sia ai terreni di pianura, sia a quelli delle aree montane dove comunque l’esenzione è estesa a tutte le tipologie di contribuenti. Bastano due esempi per comprendere la portata del provvedimento. Il primo: un’azienda che produce latte con un fatturato da 400mila euro beneficerà di 3.100 euro di taglio Irap, 1.800 euro di taglio Imu, oltre a 5.600 euro di aumento compensazione IVA, per un totale di 10.500 euro di tasse in meno. Il secondo: risparmio da 8.800 euro per una impresa vitivinicola da 12 ettari grazie all'eliminazione di Irap (che costava 4.660 euro) e Imu (che pesava per 4.220 euro). “Operazione positiva – aggiunge il presidente della Coldiretti di Latina, Carlo Crocetti – perché non comporta aggravio in termini di imposte e quindi dei costi di produzione su voci come il gasolio agevolato, già pesantemente ridimensionato negli ultimi anni”. La riduzione degli oneri fiscali consente alle imprese professionali di recuperare risorse da destinare alla innovazione e alla creazione di posti di lavoro nell’agroalimentare che, anche grazie a Expo, ha confermato straordinaria vitalità in produzione ed export. “Il pacchetto – conclude Campione – prevede anche altre misure significative per le imprese agricole, come il finanziamento di 140 milioni di euro in due annualità per le assicurazioni agevolate contro le calamità naturali e un fondo di 45 milioni di euro per rinnovare il parco macchine”.

Seguici su Twitter Coldiretti
Seguici su Twitter Coldiretti Lazio
Copyright 2018 COLDIRETTI. Tutti i diritti riservati.

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

Le impostazioni dei cookie in questo sito sono impostate su "permetti cookie" per permettere la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui l'utilizzo di questo sito senza cambiare le impostazioni del tuo browser o se clicchi su "Accetto" confermai l'autorizzazione di tali cookie.

Chiudi