ROMA, COOPERAZIONE
7 maggio 2016

ROMA, COOPERAZIONE

“Il modello 231 è lo strumento più efficace per superare in fretta lo stato di crisi della cooperazione schiacciata, a Roma e nel Lazio, dal peso dei recenti scandali di Mafia Capitale”. Così Aldo Mattia, presidente regionale di UE.Coop, ha introdotto i lavori del seminario promosso per diffondere la conoscenza del D. Lgs. 231/2001 che ha introdotto nel nostro ordinamento la responsabilità penale delle società e degli enti per reati commessi nel loro interesse oppure a loro vantaggio. Responsabilità che viene però esclusa qualora la cooperativa oggetto di accertamento risulti in regola con l’adozione del modello di controllo e gestione anticrimine. Un messaggio condiviso dal segretario generale della Camera di Commercio di Roma, Pietro Abate, che ha rilevato come “corruzione e illegalità distruggono l’economia e la coesione sociale”. Ad imprimere autorevolezza e forza al messaggio di rinnovamento etico della nuova cooperazione sono state le presenze di Luigi Giampaolino, presidente emerito della Corte dei Conti e da pochi mesi presidente nazionale di UE.Coop e di Gian Carlo Caselli, oggi presidente del comitato scientifico dell’Osservatorio sulle Agromafie fondato da Coldiretti. “Oggi la legalità è vissuta quasi come un fastidio, ma in verità è un vantaggio, perché migliora la qualità del nostro vivere. Pensiamo a quante cose potremmo fare nel welfare – ha detto Caselli – se recuperassimo i 120 miliardi di euro di evasione, i 60 di corruzione e i 150 miliardi della criminalità mafiosa che ogni anno vengono sottratti all’economia legale del Paese”. Il modello 231, per quanto richieda aggiornamenti costanti per limitare al massimo il rischio di reati e di condotte criminose da parte di amministratori e dirigenti delle società, è un adempimento irrinunciabile per le cooperative, in particolare quelle del segmento agroalimentare, che puntano alla distintività etica e che fanno della trasparenza un punto di forza del loro operato amministrativo. UE.Coop, che ha promosso il seminario formativo, è la centrale operativa che assiste le realtà cooperativistiche affiliate Coldiretti. Le società aderenti sono 4.000 in Italia, 500 delle quali nel Lazio.       

Seguici su Twitter

Seguici su Facebook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar
Copyright 2018 COLDIRETTI. Tutti i diritti riservati.

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

Le impostazioni dei cookie in questo sito sono impostate su "permetti cookie" per permettere la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui l'utilizzo di questo sito senza cambiare le impostazioni del tuo browser o se clicchi su "Accetto" confermai l'autorizzazione di tali cookie.

Chiudi