Olio di Oliva
4 agosto 2012

Olio di Oliva

"Sono norme che abbiamo fortemente voluto e sostenuto, norme fondamentali per gli organi dello Stato impegnati quotidianamente nella, spesso impari, lotta alle frodi  e alle contraffazioni dell'olio”.  Coldiretti Frosinone riassume così la propria soddisfazione in riferimento alle disposizioni riguardanti i controlli sull’olio extravergine d’oliva inserite nel testo del decreto sviluppo, approvato definitivamente dal Senato. “Questa volta – ha detto il direttore Paolo De Cesare -  a nulla sono servite le pressioni di lobby interessate. Il Parlamento e il Governo sono andati dritti sino alla meta ed è una ottima cosa per gli olivicoltori e i trasformatori onesti,  una garanzia per i consumatori, ma soprattutto un bel segnale di trasparenza che il paese si aspettava” . Le nuove norme – precisa il neo presidente di Coldiretti Frosinone, Vinicio Savone - sono frutto di un emendamento introdotto alla Camera, e adesso confermato dal Senato, con il quale il relatore in Commissione ha inteso anticipare alcune disposizioni contenute nel disegno di legge d’iniziativa dei senatori Mongiello e Scarpa Bonazza Buora in materia di qualità e trasparenza della filiera degli oli di origine vergini, provvedimento già sottoscritto da numerosi parlamentari. Norme che consentono di riconoscere gli oli extravergini di origine estera spacciati come italiani o gli oli extravergini venduti come tali ma che hanno subito illecitamente processi di raffinazione e deodorazione. 
Le nuove norme erano state oggetto la scorsa settimana di un incontro promosso da Coldiretti Lazio al quale aveva preso parte anche una delegazione della nostra federazione – ha aggiunto Savone  – prevedono innanzitutto che in fase di controllo, gli oli di oliva extravergini che sono etichettati con la dicitura “Italia” o “italiano”, o che comunque evocano una origine italiana, sono considerati conformi alla categoria dichiarata quando presentano “un contenuto in metil esteri degli acidi grassi ed etil esteri degli acidi grassi minore o uguale a 30 mg/Kg” e che il superamento di tale valore comporta l’avvio di un piano straordinario di sorveglianza in considerazione che tali parametri costituiscono un fondamentale indicatore della qualità degli oli di oliva extravergini.
La normativa considerato che, in base alla legislazione vigente, si considera “fallace indicazione” l’uso del marchio con modalità da indurre il consumatore a ritenere che i prodotti siano di origine italiana senza che siano accompagnati da indicazioni sulla provenienza estera degli stessi, introduce nell’uso dei marchi relativi ai prodotti alimentari, la definizione di origine legata al luogo di coltivazione e di allevamento della materia agricola utilizzata nella produzione e preparazione dei prodotti ed il luogo in cui è avvenuta la trasformazione sostanziale. In tal modo – conclude la Coldiretti - l’effettiva origine per i prodotti alimentari risulta essere diversa da quella del codice doganale comunitario.

Seguici su Twitter Coldiretti Lazio

Seguici su Facebook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar
Copyright 2018 COLDIRETTI. Tutti i diritti riservati.

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

Le impostazioni dei cookie in questo sito sono impostate su "permetti cookie" per permettere la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui l'utilizzo di questo sito senza cambiare le impostazioni del tuo browser o se clicchi su "Accetto" confermai l'autorizzazione di tali cookie.

Chiudi