CREDITO:COLDIRETTI FROSINONE COMMENTA LA MORATORIA
21 marzo 2012

CREDITO:COLDIRETTI FROSINONE COMMENTA LA MORATORIA

Moratoria atto terzo; per effetto, infatti, della recente sottoscrizione del nuovo accordo tra Governo, ABI (Associazione Bancaria Italiana) ed Organizzazioni di Categoria (compresa la Coldiretti), sono state introdotte specifiche misure in materia di credito alle imprese (incluse, naturalmente, quelle agricole).“Obiettivo dichiarato ed auspicato  - spiega il direttore della Coldiretti di Frosinone, Paolo De Cesare - è quello, in una situazione come quella attuale, in cui continuano a registrarsi forti tensioni e criticità in ambito finanziario, di rilanciare ed invertire la tendenza del ciclo economico fornendo un set di strumenti che permettano di ottenere un reale supporto”. Proprio De Cesare si era fatto portavoce della necessità di individuare percorsi adatti a dare risposte per la grave crisi del settore agricolo soprattutto riguardo il credito ed aveva sollecitato le banche locali, durante un incontro in Camera di Commercio, ad andare incontro agli imprenditori.”Oggi – aggiunge – questo è possibile con questa “boccata di ossigeno” per le realtà aziendali che presentano una situazione di indebitamento nei confronti del sistema bancario, per riuscire a recuperare, almeno in parte, la liquidità necessaria per gestire l’ordinario processo produttivo.Un’opportunità da valutare caso per caso, con estrema attenzione, nella consapevolezza che le misure introdotte, da sole, non potranno consentire di risolvere la problematica della “stretta creditizia”, ma potrebbero permettere di usufruire di un significativo sollievo. In merito i punti qualificanti dell’intesa riguardano la sospensione, per un massimo di 12 mesi, del pagamento della quota capitale delle rate relative ai finanziamenti in essere a medio e lungo termine (oltre che dei canoni di leasing immobiliare e di sei mesi per quello mobiliare), l’allungamento della durata dei mutui e, fino ad un massimo di 120 giorni, dei prestiti di conduzione concessi alle imprese agricole (ovvero delle scadenze del credito agrario a breve termine, perfezionato con o senza cambiali).Possono usufruire della sospensiva solo le posizioni già in essere alla data del 28 febbraio 2012 e che, in passato, non abbiano beneficiato di simili interventi. Al momento della domanda (da presentare alla banca finanziatrice), inoltre, le rate devono risultare “in bonis”, ovvero non possono accedere le imprese che eventualmente presentano sofferenze, incagli o posizioni scadute/sconfinanti da più di 90 giorni. La scadenza per aderire è stata fissata al 31 dicembre 2012 e le modalità, in linea generale, prevedono la necessità di presentare una specifica richiesta alla banca interessata (sempre che quest’ultima abbia deciso di aderire all’accordo), la quale potrà anche non esprimere un effettivo parere, essendo ammesso il principio del silenzio assenso (il rifiuto, viceversa, deve essere necessariamente comunicato entro il termine massimo di 30 giorni lavorativi dalla presentazione della domanda).
Importante è l’aspetto che prevede che in presenza di interventi di sospensione del pagamento della quota capitale delle rate ed allungamento delle tempistiche di rimborso, non possano essere addebitate all’impresa richiedente spese ed oneri aggiuntivi, né modificato il tasso di interesse applicato al contratto originario.

Chi può aderire e le principali caratteristiche delle misure introdotte:

PMI Italiane “in bonis”
Possono beneficiare delle misure introdotte le piccole e medie imprese italiane di tutti i settori, che al momento della domanda non presentano, nei confronti della banca, sofferenze, incagli, rate scadute o sconfinamenti da oltre 90 giorni. Preclusa, inoltre, la possibilità  di accesso alle aziende che abbiano già utilizzato, nel recente passato, i medesimi benefici.

 

Sospensione delle rate
Possibile sospendere, fino ad un massimo di 12 mesi, la quota capitale delle rate dei mutui a medio e lungo termine in essere alla data del 28 febbraio 2012. Gli interessi, viceversa, dovranno essere regolarmente pagati alle scadenze inizialmente previste. Per i contratti di leasing mobiliare la sospensione non può superare i 6 mesi (12 mesi per il leasing immobilire).

 

L’allungamento delle scadenze
La durata del periodo di ammortamento dei finanziamenti in essere, può essere allungata fino ad un massimo del 100% della durata residua, ovvero di due anni per i mutui chirografari e di tre anni per quelli ipotecari. Le anticipazioni su crediti possono essere prorogate fino a 270 giorni e 120 giorni è il periodo di allungamento concesso per il credito agrario di conduzione.

 

Per maggiori informazioni, per effettuare un’analisi in merito all’opportunità di aderire alle suddette misure e valutarne l’effettivo impatto sull’assetto aziendale, è possibile contattare la segreteria provinciale di CreditAgri Italias.c.p.a. presente nella sede Coldiretti di Frosinone.

Seguici su Twitter Coldiretti
Seguici su Twitter Coldiretti Lazio
Copyright 2018 COLDIRETTI. Tutti i diritti riservati.

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

Le impostazioni dei cookie in questo sito sono impostate su "permetti cookie" per permettere la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui l'utilizzo di questo sito senza cambiare le impostazioni del tuo browser o se clicchi su "Accetto" confermai l'autorizzazione di tali cookie.

Chiudi