CENTRALE DEL LATTE DI ROMA- LETTERA AL SINDACO
28 luglio 2015

CENTRALE DEL LATTE DI ROMA- LETTERA AL SINDACO

«Marino non svenda la Centrale del latte e mantenga il marchio»
«La Centrale del Latte di Roma ha un valore inestimabile per la città e per l'agricoltura capitolina, poiché garantisce latte fresco, di qualità e a km zero. Per questo ho scritto una lettera al sindaco di Roma Ignazio Marino, affinché tale patrimonio non vada perso o svenduto. Inoltre, riteniamo fondamentale che venga comunque mantenuto il marchio Centrale del Latte di Roma, in modo tale da garantire alle nostre imprese un'importante carta per il rilancio della produzione locale, costretta a misurarsi in un mercato molto competitivo. Spero che il sindaco tenga conto delle nostre richieste e difenda quello che è considerato il principale mercato europeo di latte fresco». - Lo comunica il presidente di Coldiretti Roma e Lazio David Granieri.
Si riporta di seguito la lettera inviata al Sindaco Marino  a firma congiunta del Presidente David Granieri e del Direttore Roberto Scano.
" Egregio Sindaco,
Ci vediamo costretti, nei nostri ruoli istituzionali di Presidente e di Direttore della più rappresentativa associazione di imprenditori agricoli, a evidenziarLe il nostro punto di vista sul problema della vendita della Centrale del Latte, nel tentativo di evitare di vedere un altro pezzo dell’agricoltura romana perdersi per scelte, che pur partendo da criteri senza dubbio corretti, aprono scenari catastrofici.
Il problema della centrale del latte di Roma si inserisce nel dibattito in corso del prezzo del latte. Riteniamo inutile evidenziare che oggi in Italia i costi di produzione sono inferiori ai prezzi del latte alla stalla; che le produzioni italiane per una serie di motivi che non possono essere attribuiti ai nostri imprenditori non riescono a competere con i costi del nord Europa e pertanto ad oggi, la produzione di latte alimentare nella nostra Regione  appare, senza dubbio, residuale.
Prova della difficile situazione che si è venuta a determinare è che in pratica, nell’Italia centrale e meridionale è rimasto solo l’Agro romano che ancora produce in maniera significativa latte alimentare, nonostante la continua chiusura degli allevamenti. Ci pare importante sottolineare che il principale mercato di latte fresco europeo è Roma. Le famiglie romane, infatti, presentano nel loro DNA l’acquisto giornaliero del latte, di latte fresco, a km 0, possibilmente della centrale del latte il cui logo, collegato al Comune di Roma, costituiva una certezza della qualità del latte.
Con la prossima definitiva vendita della centrale del latte, è evidente che si andranno ad innestare interessi diversi, necessariamente e perché no, correttamente orientati alla creazione di un giusto valore aggiunto del processo industriale che potrà essere raggiunto solo puntando alle produzioni più economiche del nord Europa, che comunque non assicurano quei parametri di qualità e freschezza attualmente presenti nella produzione romana.
La centrale del latte di Roma ha un valore per la città e per l’agricoltura romana inestimabile in quanto parte integrante della cultura della nostra città.
Le chiediamo, pertanto, di assicurare alla nostra città latte fresco, di qualità a km 0, e laddove la decisione di vendita fosse irreversibile, di puntare considerando proprio il valore “culturale” ad  un indennizzo, nel procedimento stragiudiziale in atto, congruo e comunque superiore ai 28 milioni di euro valore apparso sulla stampa.
Nel contempo le chiediamo di trattenere, comunque, per la città il marchio Centrale del Latte di Roma, in modo da assicurare alle nostre imprese una importante carta per il rilancio della produzione locale.
Egregio Sindaco, riponiamo in Lei la speranza che possa rispondere alle nostre richieste, in quanto questo particolare periodo storico che stiamo attraversando richiede una visione strategica per  assicurare alla nostra città il futuro che merita.
La salutiamo cordialmente".

Seguici su Twitter Coldiretti Lazio

Seguici su Facebook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar
Copyright 2018 COLDIRETTI. Tutti i diritti riservati.

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

Le impostazioni dei cookie in questo sito sono impostate su "permetti cookie" per permettere la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui l'utilizzo di questo sito senza cambiare le impostazioni del tuo browser o se clicchi su "Accetto" confermai l'autorizzazione di tali cookie.

Chiudi