“BATTAGLIA DI NATALE: SCEGLI L’ITALIA” COLDIRETTI LAZIO PARTECIPA ALLA MOBILITAZIONE NAZIONALE DAVANTI A MONTECITORIO
5 dicembre 2013

“BATTAGLIA DI NATALE: SCEGLI L’ITALIA” COLDIRETTI LAZIO PARTECIPA ALLA MOBILITAZIONE NAZIONALE DAVANTI A MONTECITORIO

Sono centinaia gli agricoltori provenienti da tutto il Lazio, presenti oggi davanti a Montecitorio, alla manifestazione nazionale organizzata dalla Coldiretti in difesa del “Made in Italy”, dell’economia e del lavoro dalle importazioni di bassa qualità che varcano le frontiere per essere spacciate come italiane.

La manifestazione si svolge in contemporanea al presidio, prolungato ad  oggi degli allevatori e coltivatori di Coldiretti di tutta Italia, al valico del Brennero per la “battaglia di Natale:scegli l’Italia”.

Gli imprenditori agricoli del Lazio partecipano alla manifestazione nazionale di oggi a Roma, davanti al Parlamento, alla quale è presente il presidente nazionale di Coldiretti, Roberto Moncalvo, contro la mancanza di una normativa chiara sull’obbligo di indicare l’origine degli alimenti

“E’ inammissibile -dice il presidente di Coldiretti Lazio, David Granieri - che  giungano in Italia miliardi di litri di latte, cagliate e polveri, milioni di cosce di maiale per fare i prosciutti, conserve di pomodoro, succhi di frutta concentrati e altri prodotti che, come dimostra il dossier elaborato dalla Coldiretti per l’occasione, stanno provocando la chiusura delle stalle e delle aziende agricole con la perdita di migliaia di posti di lavoro”.
“Non possiamo rimanere indifferenti- ha aggiunto Granieri- di fronte ad un fenomeno che, oltre a danneggiare la nostra economia, è una vera truffa ai danni di ignari consumatori convinti di acquistare italiano ed invece finiscono con il consumare prodotti diversi e sicuramente non all’altezza dei nostri elevati standard qualitativi”.

“Come Coldiretti Lazio abbiamo mobilitato circa 400 soci, rappresentanti delle imprese agricole laziali - dice il direttore di Coldiretti, Aldo Mattia- ai quali si sono uniti sindaci provenienti non solo da tutta la regione ma da tutta Italia per dire basta agli inganni e rappresentare al Governo il pericolo, per le nostre aziende virtuose, della mancanza di una normativa chiara sull’obbligo di indicare l’origine degli alimenti. I dati ci indicano che il successo dell’agroalimentare italiano nel mondo e la credibilità del marchio Italia non arretrano, anzi sono in crescita costante (+7,1% nei primi mesi del 2013) accompagnati, inoltre, da un export record (stimabile 34 miliardi per quest’anno), e che potrebbe addirittura triplicare se non ci fossero fenomeni di imitazione e pirateria commerciale. Il fatturato del falso “Made in Italy” nel mondo ha superato la cifra allarmante di 60 miliardi e sottrae al nostro Paese 300 mila posti di lavoro. Manca da parte della politica nazionale e comunitaria un’operazione coraggiosa di verità, giustizia e legalità. Così facendo ci rendiamo complici della svalutazione della nostra migliore produzione di qualità in campo agroalimentare e conseguentemente dell’inganno dei consumatori attirati da prodotti a basso costo, frutto della concorrenza sleale, con possibili rischi per la salute”.

Seguici su Twitter

Seguici su Facebook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar
Copyright 2018 COLDIRETTI. Tutti i diritti riservati.

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

Le impostazioni dei cookie in questo sito sono impostate su "permetti cookie" per permettere la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui l'utilizzo di questo sito senza cambiare le impostazioni del tuo browser o se clicchi su "Accetto" confermai l'autorizzazione di tali cookie.

Chiudi